header photo

Colombia Travel

viaggi in paradiso

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Salvatore Basile

Salvatore Basile nasce a Napoli  il 18 maggio 1940. E’ noto per la sua lunga esperienza come attore, produttore e assistente alla regia nel cinema, teatro e televisione. Fin dal suo arrivo a Cartagena, nel novembre 1968 come assistente regista di Gillo Pontecorvo, che è in Colombia per registrare alcune scene per il suo film Quemada (1969), si innamora di questa città, e di Jacqueline Lemaitre, la donna che ora è sua moglie. Diviene pertanto l’eroe di uno dei video della campagna del governo che mira a migliorare l’immagine del paese attraverso il turismo denominato “Colombia Il rischio è che vogliono rimanere”.

I suoi studi li fa “sulla strada”, come dice lui, lungo Via Margutta o Via degli Artisti a Roma, dove con l’aiuto della giornalista e poetessa Cristina Farfán comincia a vedere i film e il teatro, così come il lavoro di centinaia di artisti locali.

La sua carriera di attore a teatro inizia con l’interpretazione di opere di classici greci, come la Pace di Aristofane o altri come il leone d’inverno di James Goldman e la commedia musicale Yo, yo, ye, ye. In televisione interpreta ruoli da protagonista nella mini-serie nominata al premio ALMA Nostromo (1996), la telenovela La mujer en el espejo (1997) diretto da Luis Orjuela, Prisioneros del amor (1997) e Ay cosita linda mamá! (1998) di Julio César Romero, Pobre Pablo (2000) diretto da Fit Amuchastegui, Sofia dame tiempo (2003) di Dago García e Las noches de Luciana (2004) diretto da Magdalena La Rotta. Attualmente è ospite e produttore esecutivo per il canale regionale Cinergia Telecaribe.

Dietro lo schermo partecipa a numerose produzioni e occupa varie posizioni. Nella televisione colombiana è un produttore di RTI e più tardi diventa direttore della programmazione Cenpro Televisión. Inoltre lavora come giornalista corrispondente della rivista Cromos, nel primo viaggio a Cuba dopo la guerra fredda. E’ poi anche corrispondente per il quotidiano El Tiempo per il Film Festival di Cartagena, intervistatore sul tappeto rosso agli Oscar, giornalista del programma radiofonico Viva FM con Roberto Pombo e direttore creativo dell’agenzia pubblicitaria Leo Burnett.

Farà anche parte del consiglio del Festival di Cinema e Televisione di Cartagena per oltre 20 anni, del quale ora è il vice presidente, e per il quale fa accordi per diversi festival cinematografici tra cui: il Festival de la Sal in Zipaquirá, la Muestra de Cine de la Convivencia e la Muestra de Cine del Deporte.

La sua maggiore esperienza si può trovare nei film. Come attore lo si trova in: I don’t understand (1996) di Eduardo de Filippo, Ganster 70 (1968) di Mino Guerrini, El Mercenatio (1968) di Dieter Müller, Dos misioneros (1974) di Franco Rossi, Venganza (1976) di Pasquale Festa Campanile, Un amigo es un tesoro (1981) di Sergio Corbucci, Banana Joe (1982) di Steno, Días de fortuna (1995) di Andrew Davis, El amor en los tiempos del cólera (2007) di Mike Newell e nel film Lecciones paraun trio di Juan Pablo Bustamante; inoltre attore e assistente alla regia di Erase una vez in América (1968) di Sergio Leone e Holocausto Caníbal (1980) di Ruggero Deodato, attore, assistente alla regia e co-produttore esecutivo di Cobra Verde (1987) di Werner Herzog, attore e produttore esecutivo di La estrategia del caracol (1993), Ángiulas no cazan moscas (1994) e Ilona llega con la lluvia(1996) di Sergio Cabrera, e produttore e protagonista di El cielo (2007) Alessandro Basile.

Come assistente alla regia è diventato parte del team di produzione di Gungala la pantera nuda (1968) di Ruggero Deodato, Quemada (1969) di Gillo Pontecorvo, Dos misioneros (1974) di Franco Rossi, El súper sheriff (1980) e Dos granujas en el oeste (1981) di Michele Lupo, La misión (1986) di Roland Joffé, Cronica de una muerte anunciada (1987) di Francesco Rosi, Paganini, (1989) di Klaus Kinski e Grido de piedra (1991) di Werner Herzog.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento